domenica 31 gennaio 2016

POVERI DELLA TRADIZIONE, NON BORGHESI DELLA TRADIZIONE.



Pubblichiamo il numero di Febbraio 2016
di "Radicati nella fede"

POVERI DELLA TRADIZIONE,
NON BORGHESI DELLA TRADIZIONE.





POVERI DELLA TRADIZIONE, NON BORGHESI DELLA TRADIZIONE.
Editoriale di "Radicati nella fede" - Anno IX n° 2 - Febbraio 2016

  Sapete bene quante volte, su questo foglio di collegamento, abbiamo messo in guardia contro i pericoli del modernismo. Quante volte abbiamo reagito contro la maldestra modernizzazione della Chiesa, che sta ormai compiendosi nella più acuta crisi che la Chiesa abbia mai conosciuto nella sua storia.

  Abbiamo reagito, ne sentiamo tutto il dovere; abbiamo detto di “no”; abbiamo detto di non accettare questo stravolgimento della vita cristiana che si amplifica sotto i nostri occhi.

  È bene, però, ricordare che non abbiamo fatto solo questo, e che non abbiamo fatto innanzitutto questo: ci siamo prima preoccupati di assicurare tra noi una vita stabilmente cristiana.

  Sì, perché “essere contro” non equivale a fare il cristianesimo. È un'illusione mortale quella di pensare che essere contro qualcosa equivalga automaticamente a costruirne l'alternativa.

  Sarebbe per noi un gravissimo inganno quello di pensare che basti reagire al modernismo teologico, al pastoralismo ingannevole del post-concilio, alla mania di mettere al passo con le ultime mode del mondo la vita cristiana, per vedere sorgere un Cattolicesimo sano, secondo Tradizione.

  Il père Emmanuel Andrè, di cui tanto riferiamo sul nostro bollettino e che costituisce certamente uno dei più fulgidi esempi sacerdotali nella Chiesa dei tempi moderni, disse ai suoi monaci, difronte al dilagante Naturalismo: “Siate uomini di Dio, siate uomini di reazione”.

  Verissimo! Per essere di Dio, occorre reagire contro il male dilagante. Occorre dire di “no” all'errore che è in te, e al veleno che circola nel mondo.
  Ma non basta dire di no, occorre essere di Dio: “Siate uomini di Dio...”. La reazione, quella sana, nasce solo dall' “essere di Dio”. Occorre preoccuparsi dunque di fare il cristianesimo; l'interesse dev'essere concentrato sul vivere una vita autenticamente cristiana, sul lavorare perché molti abbiano i mezzi e la possibilità di “essere di Dio”.

  Ci sono alcuni, in certo mondo tradizionalista o conservatore, che sono permanentemente in reazione, in perenne accusa, rischiando di esaurire i propri sforzi nello scovare il male attorno a loro.
  E quando reagiscono contro i cristiani ammodernati, sembrano attendere il cattolicesimo vero dai “modernisti” stessi, pretendendo da loro una conversione che forse attenderanno invano.

  No! Occorre fare il cristianesimo, questo attende Dio da noi; per questo ci da la sua grazia.

  Un grande benedettino, il Card. Schuster, difronte alla grave crisi di qualche monastero, consigliava di non perdere tempo nel tentare la sua riforma, ma di fondarne a fianco un altro, dove regnassero l'osservanza della Regola di San Benedetto e uno spirito autenticamente monastico: nel momento più forte della crisi, questi nuovi monasteri osservanti sarebbero stati l'anima della rinascita cristiana e monastica.

  Così anche per noi: occorre impiantare una vita veramente cristiana dove viviamo, attorno alla Messa tradizionale, fonte di inaudite grazie. Occorre fare il cristianesimo senza perdere nemmeno un minuto, là dove sacerdoti di retta intenzione tornano ad assicurare la Tradizione, nei sacramenti e nella dottrina. I preti, almeno quelli che hanno capito, hanno il dovere di garantire la Tradizione, e i fedeli di riconoscerla e di muoversi!

  Ci resta da ricordare però un fatto non secondario: per fare il cristianesimo occorre “dare la vita”.
Dare la vita, è questa l'obbedienza vera che Dio attende da noi.
  Dare la vita, cioè tutto, perché se Dio non può chiederci tutto, vuol dire che per noi non è.

  Questo dare tutto, va vissuto in una coscienza limpida, unita ad una concretezza estrema, operativa.
  L'impiantare il cristianesimo inizia dalla grazia, cioè dall'altare del Signore: è dalla messa cattolica, dal sacrificio di Cristo, che tutto ha vita, dottrina, preghiera, opere, carità, cultura...
  Per assicurare il culto e la vita cattolica, secondo tradizione, occorre dare la vita: siamo disposti a questo, o ci basta essere contro?
  Se, improvvisamente, fosse data piena libertà all'esperienza della Tradizione, se nella Chiesa ci fosse data questa libertà totale, sorgerebbero questi luoghi di grazia intorno all'altare grazie a noi? Oppure, questo miracolo di libertà per la Tradizione ci troverebbe ancora impegnati ad assicurarci le nostre libertà, i nostri umori alterni? Un siffatto miracolo non ci coglierebbe forse preoccupati di garantirci ancora il nostro “tempo libero”, come fa il resto del mondo?

  Solo perché ogni Domenica, e sottolineiamo ogni, ci sia la messa cantata, occorre che molti diano la vita! Il prete che la celebra, l'organista che accompagna il canto, la schola che sostiene la lode del popolo, i fedeli che stabilmente si riferiscono a quella chiesa.

  Vedete, la nuova liturgia, miseramente ridotta, di fatto ha garantito, favorendole, le “libertà” e il disimpegno dei fedeli. Sembra nata per intrattenere e non per fare il cristianesimo.

  Per fare il cristianesimo occorre non essere liberali, ma uomini impegnati con Dio, consegnanti tutto a Dio: solo i poveri, quelli veri, lo capiscono, non i “borghesi” della tradizione.

  Poveri sono quelli che non sperano la salvezza da sé, dal proprio giudizio e azione. Poveri sono quelli che si consegnano a Dio, disposti a dare tutto perché la Chiesa Cattolica continui ad esserci.

  Borghesi sono, invece, quelli impegnati a salvare i propri spazi di libertà. Sono liberali nell'anima; vogliono amare Dio, ma non consegnando tutto: loro si illudono e la Chiesa scompare.

  Che questa Quaresima ci insegni la vera obbedienza al Signore.

lunedì 25 gennaio 2016

"LUMEN AD REVELATIONEM GENTIUM": LA CANDELORA A VOCOGNO.


VOCOGNO
Martedì 2 Febbraio 2016

 
FESTA DELLA PRESENTAZIONE 
DI GESU' AL TEMPIO
PURIFICAZIONE DELLA B. V. MARIA


ore 20.30
S. MESSA CANTATA in rito antico
BENEDIZIONE DELLE CANDELE


_________________________________________________

Mercoledì 3 Febbraio 2016
Festa  di S. Biagio, Vescovo e Martire

ore 20.30
Santa Messa
al termine: Benedizione della gola

giovedì 7 gennaio 2016

EPIFANIA: IL SIGNORE VUOLE CHE SAPPIAMO.


EPIFANIA 
DI N. S. GESU' CRISTO
Vocogno, 6 Gennaio 2016



EPIFANIA: IL SIGNORE VUOLE CHE SAPPIAMO.
Omelia di don Alberto Secci


Video S. Messa cantata

venerdì 1 gennaio 2016

Il "TE DEUM", grande domanda di restare uniti a Dio.


TE DEUM E OTTAVA DEL NATALE
Vocogno

Il solenne canto del Te Deum

Contare gli anni da Cristo è domanda di grazia
Omelia al Te Deum - don Alberto Secci


La Chiesa non annuncia solo, 
ma difende il contenuto del suo annuncio
Omelia Ottava del Natale - don Alberto Secci


Video Santa Messa cantata 
e solenne Te Deum di ringraziamento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...