IN MOLTI CI CHIEDONO COME SOSTENERE IL SITO E IL BOLLETTINO: UNA DONAZIONE CON PAYPAL. GRAZIE!

martedì 6 novembre 2012

"O QUAM BEATUS, O BEATA, QUEM VIDERINT OCULI TUI"


A pochi giorni dal

2° PELLEGRINAGGIO  
DELLA TRADIZIONE 
ALLA MADONNA 
DI OROPA 

 vi rinnoviamo l'invito alla partecipazione riportando un breve passaggio dell'omelia di don Alberto Secci durante la Messa solenne del Pellegrinaggio dell'anno scorso. 
 Ci sembra il modo giusto per prepararsi a questo importante gesto di fede.


« “O quam beatus, o Beata, quem viderint oculi tui”.
Davvero è beato, o Beata Vergine Maria, colui sul quale si posano i tuoi occhi.

E' la frase scolpita nella porta di entrata del luogo più santo del monte di Oropa, là dove si trova il sacello eusebiano e dentro la statua miracolosa della Vergine Bruna, della Regina Montis Oropae.

Davvero è beato, o Beata Vergine Maria, colui sul quale si posano i tuoi occhi.

Siamo qui pellegrini. Non siamo qui a fare una manifestazione. Siamo qui come poveri peccatori bisognosi della grazia di Dio, bisognosi della sua misericordia. Siamo qui pellegrini, domandando tutto a Dio per mezzo dell'intercessione potente di Maria Santissima, Regina di Oropa.

Il pellegrino, che è l'uomo più vero e più semplice, vuole mettersi sotto lo sguardo della Madonna. Per questo ci si muove da casa, per questo ci si mette in viaggio, per mettersi sotto gli occhi di Maria Santissima.

Oh, davvero è beato, o Vergine Maria, colui sul quale si posano i tuoi occhi!

E noi, oggi, domandiamo questo: che gli occhi di Maria Santissima si posino su di noi.

Di quante grazie abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di una fede più grande, abbiamo bisogno di un amore più grande per Dio e per il prossimo. Abbiamo bisogno di pace e serenità nelle nostre case. Abbiamo bisogno di salute per servire il Signore. Abbiamo bisogno di pazienza e di costanza nelle prove. Quante grazie dobbiamo domandare.

Per questo, o Vergine Santa di Oropa, posa il tuo sguardo su ciascuno di noi e su tutti coloro che le tribolazioni della vita hanno tenuto a casa, perché ciascuno di noi porta altre persone con sé sotto lo sguardo della Madonna. [...]»


SABATO 10 NOVEMBRE 2012

ore 11.00
Santa Messa solenne
in Basilica Nuova

ore 15.00
S. Rosario 
di fronte
all'immagine miracolsa 
in Basilica Antica


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...